Il cuore, un motore instancabile

Il sistema cardiovascolare è estremamente complesso e funziona grazie al cuore, che spinge il sangue e l’ossigeno necessari a tutto l’organismo

Il cuore, un motore instancabile

Il cuore?  E’ una specie di motore che si contrae migliaia di volte ogni giorno, spingendo il sangue carico di prezioso ossigeno a tutti gli organi attraverso le arterie, vere e proprie “superstrade” del liquido rosso. Una pompa capace di contrarsi, senza che nemmeno ce ne accorgiamo, mediamente oltre 70 volte al minuto. Il che significa più di centomila volte al giorno. Una struttura così complessa ed affinata da due miliardi di anni di evoluzione da far circolare ogni giorno nel corpo quasi quindicimila litri di sangue. In termini di peso, dodici tonnellate. Il tutto per anni e senza dare segni di cedimento. E soprattutto, senza aver bisogno di “spinte” da parte del padrone. Il cuore infatti si contrae in maniera autonoma, tanto che, quando ci accorgiamo della sua attività, significa che qualcosa non funziona. Nel nostro corpo, a partire dal cuore c’è una serie di strade che hanno una lunghezza incredibile: l’apparato circolatorio, tra vene, arterie e capillari, arriva a misurare più di 150.000 chilometri in una persona adulta. Queste vie si attivano soprattutto quando facciamo uno sforzo molto intensi, perché occorre aumentare l’apporto di ossigeno alle zone più periferiche dell’organismo. A quel punto, davvero, tutte le strade sono aperte, partono dal cuore, arrivano fino al punto più lontano e periferico, liberano ossigeno e recuperano gli elementi di scarto e al cuore ritornano.