Covid-19, non dimenticate le cure per proteggere il cuore

La Siprec (Società Italiana di Prevenzione Cardiovascolare) pubblica una serie di indicazioni per chi è a rischio. Attenzione all’aderenza terapeutica

Covid-19, non dimenticate le cure per proteggere il cuore

La pandemia da Covid-19 sta avendo un impatto pesantissimo sia sui sistemi sanitari che sui singoli. Ed è fondamentale, per chi è a rischio di patologie cardiovascolare o comunque presenta elementi che possono incrementare i pericoli come ipercolesterolemia, ipertensione, sovrappeso, diabete, riuscire a seguire correttamente le indicazioni del medico, disegnate esattamente sui problemi specifici in termini di comorbilità di ogni persona. In termini pratici, questo assunto si traduce nella necessità di rispettare i dettami del medico, anche sul fronte delle eventuali terapie da assumere. Su questo fronte arriva una “messa a punto” scientifica da parte della Società Italiana di Prevenzione Cardiovascolare (Siprec), sotto forma di raccomandazioni messe a punto da un gruppo di lavoro coordinato da Massimo Volpe pubblicate su High Blood Pressure & Cardiovascular Prevention. Diverse le indicazioni che vengono sottolineate nel documento, che spazia da raccomandazioni generali espressamente – ma non solo – mirate sul soggetto a rischio in termini di utilizzo di dispositivi di protezione personale, distanziamento e regole di igiene, si punta l’attenzione su chi si trova ad affrontare condizioni cardiovascolari croniche. E’ fondamentale, segnalano gli esperti, che chi è ad altissimo rischio di eventi o ne ha già avuti ricordi che la diagnosi precoce è basilare e che occorre recarsi rapidamente in ospedale in caso di sintomi e segni tipici per infarto ed ictus. E’ altrettanto significativo controllare lo stato di salute generale, anche attraverso strumenti di monitoraggio domestici come si utilizzano in caso di ipertensione e diabete, informando subito il curante per eventuali aggiustamenti di terapia che si possano rendere necessari. E, soprattutto, è fondamentale seguire bene le cure indicate.

Aderenza alle terapie e fake news

In questo periodo, avere contatti regolari con il medico di medicina generale è estremamente complesso, per le evidenti ripercussioni sulla possibilità di recarsi in ambulatorio legate alla pandemia. Per questo gli esperti della Siprec ricordano quanto sia importante mantenere i contatti con strumenti di connessione, siano essi video-conferenze o semplice messaggistica, in modo da poter comunicare eventuali dubbi sulla terapia in corso, integrando le proprie osservazioni con i parametri registrati attraverso i devices da impiegare a domicilio. Ciò che più conta, in ogni caso, è avere una valida aderenza al trattamento prescritto perché seguire i trattamenti significa tenere sotto controllo i principali fattori di rischio, dall’ipertensione fino al diabete e alle alterazioni del colesterolo LDL. E’ fondamentale raggiungere gli obiettivi proposti dal medico in base al particolare profilo di rischio. Tra le problematiche che vengono segnalate nella ricerca c’è l’elevato pericolo di avere notizie non chiare e a volte completamente false, che possono in qualche modo influenzare negativamente il normale percorso terapeutico di ogni persona. Tra gli esempi in questo senso si possono ricordare le prime informazioni emerse sul possibile rischio correlato all’impiego degli ACE-inibitori, il cui uso è stato ipotizzato come favorente il rischio di patologia da Covid-19 in caso di contagio. Subito dopo, tuttavia, questa possibilità non è stata per nulla confermata ed anzi diversi lavori scientifici hanno dimostrato semmai una possibile attività protettiva della terapia con questi farmaci. E’ solo un esempio di quanto sia fondamentale seguire con attenzione le terapie prescritte, fare riferimento al medico, avere corrette abitudini di vita con controllo del peso, attenzione all’alimentazione e attività fisica regolare, per creare un percorso di prevenzione che permette di proteggere al meglio cuore ed arterie. L’aderenza terapeutica e gli strumenti che possono facilitarla, in questo senso, è uno strumento basilare per ridurre i rischi.