Le buone abitudini

Alimentazione, ma non solo. Per combattere il colesterolo occorrono scelte salutari in ogni attività che facciamo.

Le buone abitudini

Quando il colesterolo totale è elevato una sua riduzione del 25% può arrivare a dimezzare il rischio di infarto. Per questo è importante assumere buone abitudini, controllando gli altri fattori di rischio cardiovascolare e ricordando che solo il 20 per cento circa del colesterolo totale che misuriamo nel sangue entra nell’organismo con l’alimentazione. La maggior parte del colesterolo presente nell’organismo viene infatti prodotto dal fegato, mentre il resto è introdotto con gli alimenti. Il colesterolo alimentare, una volta assimilato, viene assorbito e risale dall’intestino al fegato. Da qui, insieme alla maggior parte del colesterolo prodotto dal fegato stesso, ritorna nell’intestino attraverso la bile: la sua funzione è quella di rendere le sostanze contenute negli alimenti meglio assimilabili dall’intestino. Questo “viaggio” del colesterolo si può ripetere più volte, tanto che si parla di “ricircolo” del lipide.

Non basta la sana alimentazione, quindi, a ridurre i valori di colesterolo ma una dieta attenta è sicuramente utile.

Le buone abitudini

Ecco cosa fare:

  • Contrastare il sovrappeso, riducendo l’introito calorico e aumentando l’attività fisica.
  • Fare regolarmente attività fisica, che oltre a favorire il calo di peso, rappresenta l’unico sistema scientificamente dimostrato per aumentare nel tempo la sintesi di colesterolo HDL ad azione protettiva.
  • Limitare i grassi saturi che facilitano l’aumento di colesterolo nel sangue. Sono contenuti soprattutto negli alimenti di origine animale come carni grasse, latte intero, formaggi e burro.
  • Impiegare regolarmente condimenti di origine vegetale, a partire dall’olio extravergine d’oliva che secondo alcuni studi può anche indurre un lieve incremento del colesterolo HDL.
  • Preferire come fonti proteiche il pesce (specie quello ricco in acidi grassi omega-3 e le proteine vegetali contenute soprattutto in fagioli, ceci ed altri legumi.
  • Consumare ogni giorno alimenti integrali, che per la loro ricchezza in fibre possono favorire una riduzione dell’assorbimento del colesterolo nell’intestino.
  • Assumere ogni giorno cinque porzioni di alimenti vegetali, come frutta e verdura.