Come nutrirsi correttamente

Come nutrirsi correttamente

Non è importante calcolare solo quanto si mangia, ma anche cosa si mangia. Occorre prestare attenzione agli alimenti più ricchi in grassi e colesterolo e ad avere un quantitativo sufficiente di fibre. In termini generali, senza considerare quindi situazioni particolari, l’alimentazione ottimale per il cuore dovrebbe prevedere:

  • 55% circa delle calorie totali da carboidrati, con netta prevalenza di quelli complessi (pasta, pane, riso e derivati dei cereali, soprattutto di tipo integrale). Così facendo si evita un rapido introito di glucosio per l'organismo e una conseguente risposta veloce e poco naturale della produzione di insulina da parte del pancreas. Dall'altro i carboidrati complessi, specie se integrali, sono ricchi di fibre capaci di regolarizzare l'assorbimento dei nutrienti, ridurre l’assorbimento del colesterolo  e favorire i movimenti intestinali.
  • 25-30% del quantitativo calorico da lipidi, prevalentemente da acidi grassi mono e polinsaturi (olio d'oliva, altri grassi vegetali e lipidi dei pesci).
  • 10-12% delle calorie da proteine. In parte debbono essere proteine ad elevato valore biologico (carne e pesce magro, latte e formaggio magro e uova) da alternare con proteine dei legumi.