Infarto e influenza, che relazione c'è?

Gentile Professore,
Ho letto un articolo in cui si dice che durante l'influenza sono molto frequenti episodi di miocarditi e infarto agevolati dall'infiammazione, dallo stress corporeo e dal virus B.
Ho 38 anni e sono cardiopatico (insufficienza aortica e mitralica lieve a seguito di endocardite a dieci anni, e aritmia in terapia con betabloccante). Se ho una febbre, posso assumere come antipiretico l'aspirina, essendo un antinfiammatorio, anziché il paracetamolo?

La ringrazio

Professor Cesare Fiorentini

Risponde:
Professor Cesare Fiorentini

Direttore sviluppo area clinica

Centro Cardiologico Monzino

Gentile Lettore,
durante l'influenza la possibilità di miocardite è rara in realtà. Semmai può essere un po’ più frequente la pericardite, che però ha una prognosi molto più favorevole e mette molto meno a rischio il muscolo cardiaco. Credo che con la opportuna vaccinazione antinfluenzale il rischio venga drasticamente ridotto. Ad ogni modo in queste circostanze va benissimo il paracetamolo.